Estinzione delle misure per effetto della pronuncia di determinate sentenze
Codice di procedura penale
Gazzetta Ufficiale Repubblica Italiana 24 ottobre 1988, n. 250
Codice procedura penale
Approvato con D.P.R. 22 settembre 1988, n. 447

LIBRO QUARTO. Misure cautelari - TITOLO PRIMO. Misure cautelari personali - CAPO QUINTO. Estinzione delle misure
Articolo 300
Estinzione delle misure per effetto della pronuncia di determinate sentenze

1. Le misure disposte in relazione a un determinato fatto perdono immediatamente efficacia quando, per tale fatto e nei confronti della medesima persona, e` disposta l'archiviazione ovvero e` pronunciata sentenza di non luogo a procedere o di proscioglimento .

2. Se l'imputato si trova in stato di custodia cautelare e con la sentenza di proscioglimento o di non luogo a procedere e` applicata la misura di sicurezza del ricovero in ospedale psichiatrico giudiziario, il giudice provvede a norma dell'articolo 312 .

3. Quando, in qualsiasi grado del processo, e` pronunciata sentenza di condanna, le misure perdono efficacia se la pena irrogata e` dichiarata estinta ovvero condizionalmente sospesa . 

4. La custodia cautelare perde altresi` efficacia quando e` pronunciata sentenza di condanna, ancorche` sottoposta a impugnazione, se la durata della custodia gia` subita non e` inferiore all'entita` della pena irrogata. 

5. Qualora l'imputato prosciolto o nei confronti del quale sia stata emessa sentenza di non luogo a procedere sia successivamente condannato per lo stesso fatto, possono essere disposte nei suoi confronti misure coercitive quando ricorrono le esigenze cautelari previste dall'articolo 274 comma 1 lettere b) o c).