Richiesta di convalida dell'arresto o del fermo
Codice di procedura penale
Gazzetta Ufficiale Repubblica Italiana 24 ottobre 1988, n. 250
Codice procedura penale [codice di procedura penale]
Approvato con D.P.R. 22 settembre 1988, n. 447

LIBRO QUINTO. Indagini preliminari e udienza preliminare - TITOLO SESTO. Arresto in flagranza e fermo
Articolo 390
Richiesta di convalida dell'arresto o del fermo

1.Entro quarantotto ore dall'arresto o dal fermo il pubblico ministero qualora non debba ordinare la immediata liberazione dell'arrestato o del fermato, richiede la convalida al giudice per le indagini preliminari competente in relazione al luogo dove l'arresto o il fermo e` stato eseguito.

2.Il giudice fissa l'udienza di convalida al piu` presto e comunque entro le quarantotto ore successive dandone avviso, senza ritardo, al pubblico ministero e al difensore .

3.L'arresto o il fermo diviene inefficace se il pubblico ministero non osserva le prescrizioni del comma 1.

3 bis. Se non ritiene di comparire, il pubblico ministero trasmette al giudice, per l'udienza di convalida, le richieste in ordine alla liberta` personale con gli elementi su cui le stesse si fondano. (1)

 

-----

(1) Il presente comma è stato aggiunto dall'art. 24, D.lgs. 14.01.1991, n. 12 (G.U. 16.01.1991 n. 13).