Atti urgenti
Codice di procedura penale
Gazzetta Ufficiale Repubblica Italiana 24 ottobre 1988, n. 250
Codice procedura penale [codice procedura penale]
Approvato con D.P.R. 22 settembre 1988, n. 447

LIBRO OTTAVO. Procedimento davanti al tribunale in composizione monocratica - TITOLO SECONDO. Citazione diretta a giudizio
Articolo 554
Atti urgenti

1. Il giudice per le indagini preliminari é competente ad assumere gli atti urgenti a norma dell'articolo 467 e provvede sulle misure cautelari fino a quando il decreto, unitamente al fascicolo per il dibattimento, non è trasmesso al giudice a norma dell'articolo 553, comma 1. (1)

 

-------

(1) La rubrica e il testo deI presente articolo sono stati così sostituiti dall'art. 44, L. 16.12.1999, n. 479 (G.U. 18.12.1999, n. 296); si riporta di seguito il testo precedente:

"art. 554. Chiusura delle indagini preliminari. 1.Concluse le indagini, il pubblico ministero trasmette gli atti al giudice per le indagini preliminari con richiesta di archiviazione o di decreto penale di condanna ovvero emette decreto di citazione a giudizio.

2.Il giudice, se non accoglie la richiesta di archiviazione, restituisce con ordinanza gli atti al pubblico ministero, disponendo che, entro dieci giorni, questi formuli l'imputazione ai fini degli adempimenti previsti dagli articoli 555 e seguenti. L'ordinanza e` comunicata al procuratore generale presso la corte di appello. Si applicano le disposizioni dell'articolo 412 .

3.La richiesta di decreto penale di condanna, contenente la formulazione dell'imputazione, deve essere presentata entro il termine previsto dall'articolo 553 comma 1.

4.Il decreto di citazione a giudizio e` depositato dal pubblico ministero nella segreteria unitamente al fascicolo contenente la documentazione, gli atti e le cose indicate nell'articolo 416 comma 2 .

 

 

 

 

Vetrina