Elettorato attivo e diritto di voto
Costituzione della Repubblica
Gazzetta Ufficiale Repubblica Italiana 27 dicembre 1947, n. 298
Costituzione della Repubblica Italiana
Approvata dall'Assemblea Costituente il 22 dicembre 1947, promulgata dal Capo provvisorio dello Stato il 27 dicembre 1947

PARTE PRIMA. Diritti e doveri dei cittadini - TITOLO QUARTO. Rapporti politici
Articolo 48
Elettorato attivo e diritto di voto
(Rubrica non ufficiale)

Sono elettori tutti i cittadini, uomini e donne, che hanno raggiunto la maggiore eta` [c.c. 2].

Il voto e` personale ed eguale, libero e segreto.

La legge stabilisce requisiti e modalità per l'esercizio del diritto di voto dei cittadini residenti all'estero e ne assicura l'effettività. A tale fine è istituita una circoscrizione Estero per l'elezione delle Camere, alla quale sono assegnati seggi nel numero stabilito da norma costituzionale e secondo criteri determinati dalla legge. (1)

Il suo esercizio e` dovere civico.

Il diritto di voto non puo` essere limitato se non per incapacita` civile o per effetto di sentenza penale irrevocabile o nei casi di indegnita` morale indicati dalla legge. 
 
 
 
 -----
 
 (1) Il presente comma è stato aggiunto dalla L.Cost. 17.01.2000, n. 1 (G.U. 20.01.2000, n. 15), in vigore dal 04.02.2000.

Vetrina