Elettorato attivo e diritto di voto
Costituzione della Repubblica
Gazzetta Ufficiale Repubblica Italiana 27 dicembre 1947, n. 298
Costituzione della Repubblica Italiana [Costituzione della Repubblica Italiana]
Approvata dall'Assemblea Costituente il 22 dicembre 1947, promulgata dal Capo provvisorio dello Stato il 27 dicembre 1947

PARTE PRIMA. Diritti e doveri dei cittadini - TITOLO QUARTO. Rapporti politici
Articolo 48
Elettorato attivo e diritto di voto
(Rubrica non ufficiale)

Sono elettori tutti i cittadini, uomini e donne, che hanno raggiunto la maggiore eta` [c.c. 2].

Il voto e` personale ed eguale, libero e segreto.

La legge stabilisce requisiti e modalità per l'esercizio del diritto di voto dei cittadini residenti all'estero e ne assicura l'effettività. A tale fine è istituita una circoscrizione Estero per l'elezione delle Camere, alla quale sono assegnati seggi nel numero stabilito da norma costituzionale e secondo criteri determinati dalla legge. (1)

Il suo esercizio e` dovere civico.

Il diritto di voto non puo` essere limitato se non per incapacita` civile o per effetto di sentenza penale irrevocabile o nei casi di indegnita` morale indicati dalla legge. 
 
 
 
 -----
 
 (1) Il presente comma è stato aggiunto dalla L.Cost. 17.01.2000, n. 1 (G.U. 20.01.2000, n. 15), in vigore dal 04.02.2000.

Vetrina