Elezione della Camera dei deputati
Costituzione della Repubblica
Gazzetta Ufficiale Repubblica Italiana 27 dicembre 1947, n. 298
Costituzione della Repubblica Italiana
Approvata dall'Assemblea Costituente il 22 dicembre 1947, promulgata dal Capo provvisorio dello Stato il 27 dicembre 1947

PARTE SECONDA Ordinamento della Repubblica - TITOLO PRIMO Il Parlamento - SEZIONE PRIMA Le Camere
Articolo 56
Elezione della Camera dei deputati
(Rubrica non ufficiale)

La Camera dei deputati e` eletta a suffragio universale e diretto.

Il numero dei deputati e' di seicentotrenta, dodici dei quali eletti nella circoscrizione Estero. (1)

Sono eleggibili a deputati tutti gli elettori che nel giorno delle elezioni hanno compiuto i venticinque anni di eta`.

La ripartizione dei seggi tra le circoscrizioni fatto salvo il numero dei seggi assegnati alla circoscrizione Estero, si effettua dividendo il numero degli abitanti della Repubblica, quale risulta dall'ultimo censimento generale della popolazione, per seicentodiciotto e distribuendo i seggi in proporzione alla popolazione di ogni circoscrizione, sulla base dei quozienti interi e dei piu`alti resti. (2)

-----

(1) Il presente comma è stato così sostituito dall'art. 1, comma 1, L.Cos. 23.01.2001, n. 1 (G.U. 24.01.2001, n. 19). Si riporta, di seguito, il testo precedente :

"Il numero dei deputati e` di seicentotrenta."

(2) Il presente comma è stato così sostituito dall'art. 1, comma 2, L.Cos. 23.01.2001, n. 1 (G.U. 24.01.2001, n. 19). Si riporta, di seguito, il testo precedente :

"La ripartizione dei seggi tra le circoscrizioni si effettua dividendo il numero degli abitanti della Repubblica, quale risulta dall'ultimo censimento generale della popolazione, per seicentotrenta e distribuendo i seggi in proporzione alla popolazione di ogni circoscrizione, sulla base dei quozienti interi e dei piu` alti resti."

Vetrina