CASSAZIONE: Droga, il consumo di gruppo non è reato

31 Gennaio 2013

È 'penalmente irrilevante' il consumo di gruppo di stupefacenti sia in caso di 'mandato all'acquisto', sia in caso di 'acquisto comune'. Lo hanno deciso le Sezioni Unite penali della Cassazione, rispondendo al quesito se sia reato il consumo di gruppo di stupefacenti dopo l'introduzione della legge Fini-Giovanardi del 2006.


La Cassazione ha stabilito in Camera di consiglio che non è reato e ha distribuito una informazione


In particolare, la questione esaminata oggi dalla Cassazione era: 'Se a seguito della novella introdotta dalla legge n. 49 del 2006, il consumo di gruppo di sostanze stupefacenti sia o meno penalmente rilevante, nella duplice ipotesi di mandato all'acquisto o dell'acquisto comune'. Le Sezioni Unite, presiedute dal primo presidente Ernesto Lupo, in pubblica udienza hanno appunto deciso che 'è penalmente irrilevante in entrambe le ipotesi'.