GUIDA IN STATO DI EBBREZZA

Ricovero post incidente, non serve il consenso per il prelievo ematico ordinato dalla Pg

Corte di cassazione - Sezione IV penale - Sentenza 7 marzo 2013 n. 10605

Il giudice può utilizzare come prova il prelievo ematico effettuato sul conducente dai sanitari a seguito del trasporto in ospedale dopo un incidente senza che sia necessario il consenso dell’imputato. Lo ha stabilito la Corte di cassazione, con la sentenza 10605/2013, respingendo il ricorso di un motociclista contro la sentenza della Corte di appello di Venezia che aveva confermato la condanna in primo grado per guida in stato di ebbrezza
Attenzione! x

Il contenuto è riservato agli abbonati di Guida Al Diritto .
Se sei già abbonato effettua l'accesso.

Attiva il Servizio

Sei abbonato ma non hai ancora attivato il servizio?

Attivazione
Come Abbonarsi

Non sei abbonato e vuoi sapere come fare?

Abbonati