ASSOCIAZIONE MAFIOSA

Appalti, si allarga il “concorso esterno”

16 Luglio 2013

Corte di cassazione - Sezione VI penale - Sentenza 15 luglio 2013 n. 30346

Riconosciuto il reato di concorso esterno in associazione mafiosa per l’imprenditore che presenti offerte di comodo operando in un sistema di gestione e spartizione degli appalti in connessione con esponenti di “cosa nostra”. Lo ha stabilito la Corte di cassazione, con la sentenza 30346/2013, confermando la pronuncia della corte di appello di Palermo
Attenzione! x

Il contenuto è riservato agli abbonati di Guida Al Diritto .
Se sei già abbonato effettua l'accesso.

Attiva il Servizio

Sei abbonato ma non hai ancora attivato il servizio?

Attivazione
Come Abbonarsi

Non sei abbonato e vuoi sapere come fare?

Abbonati