FALSO

Falso in scrittura privata per la moglie che riproduce la firma del marito

27 Agosto 2013

Corte di cassazione - Sezione V penale - Sentenza 27 agosto 2013 n. 35543

Falso in scrittura privata per la moglie che riproduce la firma del marito per chiedere un prestito. Non conta neppure l’eventuale consenso del marito perché il reato è contro la fede pubblica. Lo ha stabilito la Corte di cassazione con la sentenza 35543/2013
Attenzione! x

Il contenuto è riservato agli abbonati di Guida Al Diritto .
Se sei già abbonato effettua l'accesso.

Attiva il Servizio

Sei abbonato ma non hai ancora attivato il servizio?

Attivazione
Come Abbonarsi

Non sei abbonato e vuoi sapere come fare?

Abbonati