Accolto dai giudici del Tar Roma il ricorso per l'annullamento del bando di concorso per l'ammissione al corso di formazione specifica in Medicina Generale triennio 2018/2021

16/12/2019 10:35


Il ricorso patrocinato dall'avvocato Elio Errichiello contro il concorso per Medicina Generale triennio 2018/2021 è stato accolto dai giudici del Tar Roma, con conseguente obbligo per il Ministero della Salute e per la Regione Campania di riformulare la graduatoria dell'ultimo concorso pubblicata lo scorso gennaio. Il giudizio aveva ad oggetto il Concorso per il Corso di Formazione Specifica in Medicina Generale, necessario ad acquisire il diploma di medico di Medicina Generale. Il corso, su base triennale, prevede l'accesso tramite una prova unica a livello nazionale ma con i candidati divisi in singole graduatorie a livello regionale.


Nella sentenza in commento, anzitutto è stato ritenuto illegittimo il criterio preferenziale della minore anzianità della laurea, per cui l'intera graduatoria deve essere riformulata dalla Regione Campania. Infatti, tale criterio, attraverso cui i candidati a parità di punteggio vengono ordinati in base alla data di laurea, può determinare una irragionevole ed immotivata "condizione di preferenza" per effetto della quale potrebbero essere ingiustamente premiati con un migliore posizionamento nella graduatoria, i candidati meno meritevoli, vale a dire coloro che hanno terminato il corso di studi universitario "fuori corso", rispetto a chi, invece, è riuscito a completare il proprio percorso di studi rispettando o addirittura anticipando le tempistiche.

Vetrina