Annotazione di cessione, di surrogazione e di altri atti dispositivi del credito
Codice civile
Gazzetta Ufficiale Repubblica Italiana 4 aprile 1942, n. 79
Codice civile. [codice civile]
Approvato con R.D. 16 marzo 1942, n. 262

LIBRO SESTO. Della tutela dei diritti - TITOLO TERZO. Della responsabilità patrimoniale, delle cause di prelazione e della conservazione della garanzia patrimoniale - CAPO QUARTO. Delle ipoteche - SEZIONE QUINTA. Dell'iscrizione e rinnovazione delle ipoteche - PARAGRAFO PRIMO. Dell'iscrizione
Articolo 2843
Annotazione di cessione, di surrogazione e di altri atti dispositivi del credito

La trasmissione o il vincolo dell'ipoteca per cessione, surrogazione, pegno , postergazione di grado [o costituzione in dote] del credito ipotecario, nonché per sequestro , pignoramento o assegnazione del credito medesimo si deve annotare in margine all'iscrizione dell'ipoteca. (1)

La trasmissione o il vincolo dell'ipoteca non ha effetto finché l'annotazione non sia stata eseguita. Dopo l'annotazione l'iscrizione non si può cancellare senza il consenso dei titolari dei diritti indicati nell'annotazione medesima e le intimazioni o notificazioni che occorrono in dipendenza dell'iscrizione devono essere loro fatte nel domicilio eletto .

Per l'annotazione deve essere consegnata al conservatore copia del titolo e, qualora questo sia una scrittura privata o un atto formato in paese estero, si applicano le disposizioni degli artt. 2835 e 2837.

-----

(1) L'inciso "o costituzione in dote" è stato abrogato per effetto della legge 19.05.1975, n. 151.

Vetrina