Inosservanza delle norme disciplinanti i rapporti di lavoro
Codice penale
Gazzetta Ufficiale Repubblica Italiana 26 ottobre 1930, n. 251
Codice penale [codice penale]
Approvato con R.D. 19 ottobre 1930, n. 1398

LIBRO SECONDO. Dei delitti in particolare - TITOLO OTTAVO. Dei delitti contro l'economia pubblica, l'industria ed il commercio - CAPO PRIMO. Dei delitti contro l'economia pubblica
Articolo 509
Inosservanza delle norme disciplinanti i rapporti di lavoro

Il datore di lavoro o il lavoratore, il quale non adempie gli obblighi che gli derivano da un contratto collettivo o dalle norme emanate dagli organi corporativi, è punito con la sanzione amministrativa da euro 103 a euro 516. (1) (2)

[Il datore di lavoro o il lavoratore, il quale rifiuta o, comunque, omette di eseguire una decisione del magistrato del lavoro, pronunciata su una controversia relativa alla disciplina dei rapporti collettivi di lavoro, è punito, qualora il fatto non costituisca un più grave reato, con la reclusione fino a un anno o con la multa fino a lire duemilioni]. (3) (4)

-----

(1) Gli organi corporativi, citati nel presente comma, sono stati soppressi dal R.D.L. 09.08.1943, n. 721.

(2) Il presente comma è stato così sostituito dall'art. 1, D.Lgs. 19.12.1994, n. 758.

(3) Il presente comma è stato abrogato dall'art. 1, D.Lgs. 19.12.1994, n. 758.

(4) La rubrica del presente articolo è stata così modificata dall'art. 1, D.Lgs. 19.12.1994, n. 758 che ha soppresso le parole "e delle decisioni del magistrato del lavoro".

Vetrina