Rappresentazioni teatrali o cinematografiche abusive
Codice penale
Gazzetta Ufficiale Repubblica Italiana 26 ottobre 1930, n. 251
Codice penale [codice penale]
Approvato con R.D. 19 ottobre 1930, n. 1398

LIBRO TERZO. Delle contravvenzioni in particolare - TITOLO PRIMO. Delle contravvenzioni di polizia - CAPO PRIMO. Delle contravvenzioni concernenti la polizia di sicurezza - SEZIONE PRIMA. Delle contravvenzioni concernenti l'ordine pubblico e la tranquillità pubblica - PARAGRAFO TERZO. Delle contravvenzioni concernenti la vigilanza su talune industrie e sugli spettacoli pubblici
Articolo 668
Rappresentazioni teatrali o cinematografiche abusive

Chiunque recita in pubblico drammi o altre opere, ovvero dà in pubblico produzioni teatrali di qualunque genere, senza averli prima comunicati all'Autorità, è soggetto alla sanzione amministrativa pecuniaria da euro 5.000 a euro 15.000. (1)

Alla stessa sanzione soggiace chi fa rappresentare in pubblico opere cinematografiche, non sottoposte prima alla revisione dell'Autorità o non sottoposte a classificazione o senza rispettare la classificazione verificata dalla Commissione per la classificazione delle opere cinematografiche. (2)

Se il fatto è commesso contro il divieto dell'Autorità, si applica la sanzione amministrativa pecuniaria da euro 10.000 a euro 30.000. (3)

Il fatto si considera commesso in pubblico se ricorre taluna delle circostanze indicate nei numeri 2 e 3 dell'articolo 266.

-----

(1) Il presente comma è stato così modificato dall'art. 2, comma 5, lett. a), D.Lgs. 15.01.2016, n. 8 con decorrenza dal 06.02.2016. Si riporta di seguito il testo previgente:

"Chiunque recita in pubblico drammi o altre opere, ovvero dà in pubblico produzioni teatrali di qualunque genere, senza averli prima comunicati all'Autorità, è punito con l'arresto fino a sei mesi o con l'ammenda fino a euro 309.".

In ordine all’autorità competente, all’applicabilità delle sanzioni amministrative alle violazioni anteriormente commesse ed alla trasmissione degli atti all’autorità amministrativa, v. gli artt. 7 - 9 del medesimo D.Lgs. n. 8/2016.

(2) Il presente comma è stato così modificato prima dall'art. 2, comma 5, lett. b), D.Lgs. 15.01.2016, n. 8 con decorrenza dal 06.02.2016 e poi dall'art. 13, D.Lgs. 07.12.2017, n. 203 con decorrenza dal 12.01.2018. Si riporta di seguito il testo previgente:

"Alla stessa sanzione soggiace chi fa rappresentare in pubblico pellicole cinematografiche, non sottoposte prima alla revisione dell'Autorità.".

(3) Il presente comma è stato così modificato dall'art. 2, comma 5, lett. c), D.Lgs. 15.01.2016, n. 8 con decorrenza dal 06.02.2016. Si riporta di seguito il testo previgente:

"Se il fatto è commesso contro il divieto dell'Autorità, la pena pecuniaria e la pena detentiva sono applicate congiuntamente.".

(4) V. anche, in caso di reiterazione specifica, l'art. 4, D.Lgs. 15.01.2016, n. 8.

  

Vetrina