Pene criminali, correzionali e di polizia
Disposizioni di attuazione del codice penale
Gazzetta Ufficiale Repubblica Italiana 1 giugno 1931, n. 125
Disposizioni di coordinamento e transitorie per il codice penale [disposizioni attuative codice penale]
Approvato con R.D. 28.05.1931, n. 601

TITOLO PRIMO. Disposizioni di coordinamento
Articolo 1
Pene criminali, correzionali e di polizia
(Rubrica non ufficiale)

Quando le leggi, i decreti e le convenzioni internazionali fanno menzione di pene criminali, correzionali o di polizia, devono considerarsi, per ogni effetto giuridico, come corrispondenti:

1) alle "pene criminali" [la pena di morte], l'ergastolo e la reclusione per un tempo non inferiore nel minimo a tre anni;

2) alle "pene correzionali" le pene non indicate nei numeri 1 e 3;

3) alle "pene di polizia" le pene dell'arresto per un tempo non superiore nel massimo a tre mesi e dell'ammenda in misura non superiore nel massimo a euro 103.

Quando sia stata pronunciata condanna, si considerano pene criminali [la morte], l'ergastolo e la reclusione per un tempo maggiore dei cinque anni. 

Vetrina