Riconoscimento ed esecuzione dei lodi stranieri
Codice di procedura civile
Gazzetta Ufficiale Repubblica Italiana 28 ottobre 1940, n. 253
Codice di procedura civile. [codice procedura civile]
Approvato con R.D. 28 ottobre 1940, n. 1443

LIBRO QUARTO. Dei procedimenti speciali - TITOLO OTTAVO. Dell'arbitrato - CAPO SETTIMO. Dei lodi stranieri
Articolo 839
Riconoscimento ed esecuzione dei lodi stranieri

Chi vuol far valere nella Repubblica un lodo straniero deve proporre ricorso al presidente della corte d'appello nella cui circoscrizione risiede l'altra parte; se tale parte non risiede in Italia è competente la corte d'appello di Roma.

Il ricorrente deve produrre il lodo in originale o in copia conforme, insieme con l'atto di compromesso, o documento equipollente, in originale o in copia conforme.

Qualora i documenti di cui al secondo comma non siano redatti in lingua italiana la parte istante deve altresì produrne una traduzione certificata conforme.

Il presidente della corte d'appello, accertata la regolarità formale del lodo, dichiara con decreto l'efficacia del lodo straniero nella Repubblica, salvo che:

1) la controversia non potesse formare oggetto di compromesso secondo la legge italiana;

2) il lodo contenga disposizioni contrarie all'ordine pubblico. (1)

 

-----

(1) Il presente articolo ed il Capo di cui fa parte sono stati aggiunti dall'art. 24, L. 05.01.1994, n. 25 "Nuove norme in materia di arbitrato e disciplina dell'arbitrato internazionale" (G.U. n. 12 del 17.01.1994) in vigore dal 18.04.1994.

In base a detta legge, il disposto degli articoli 839 e 840 c.p.c. si applica anche ai lodi pronunciati anteriormente alla data di entrata in vigore della legge stessa, purché non ne siano stati ancora richiesti il riconoscimento o l'esecuzione a norma della legislazione in vigore anteriormente alla data di entrata in vigore della presente legge.

 

Vetrina