Norme applicabili alle controversie in materia di locazione, di comodato e di affitto
Codice di procedura civile
Gazzetta Ufficiale Repubblica Italiana 28 ottobre 1940, n. 253
Codice di procedura civile. [codice procedura civile]
Approvato con R.D. 28 ottobre 1940, n. 1443

LIBRO SECONDO. Del processo di cognizione - TITOLO QUARTO. Norme per le controversie in materia di lavoro - CAPO SECONDO. Delle controversie in materia di previdenza e di assistenza obbligatorie
Articolo 447 bis
Norme applicabili alle controversie in materia di locazione, di comodato e di affitto

Le controversie in materia di locazione e di comodato di immobili urbani e quelle di affitto di aziende sono disciplinate dagli articoli 414, 415, 416, 417, 418, 419, 420, 421, primo comma, 422, 423, primo e terzo comma, 424, 425, 426, 427, 428, 429, primo e secondo comma, 430, 433, 434, 435, 436, 436-bis, 437, 438, 439, 440, 441, in quanto applicabili. (2) (4)

Sono nulle le clausole di deroga alla competenza. (3)

Il giudice può disporre d'ufficio, in qualsiasi momento, l'ispezione della cosa e l'ammissione di ogni mezzo di prova, ad eccezione del giuramento decisorio, nonché la richiesta di informazioni, sia scritte che orali, alle associazioni di categoria indicate dalle parti.

Le sentenze di condanna di primo grado sono provvisoriamente esecutive. All'esecuzione si può procedere con la sola copia del dispositivo in pendenza del termine per il deposito della sentenza. Il giudice d'appello può disporre con ordinanza non impugnabile che l'efficacia esecutiva o l'esecuzione siano sospese quando dalle stesse possa derivare all'altra parte gravissimo danno.

(1)

 

-----

(1) Il presente articolo è stato aggiunto dall'art. 70, L. 26.11.1990, n. 353, come stabilito dai DD.LL. 16.12.1993, n. 521, 14.02.1994, n. 105, 14.04.1994, n. 235, 18.06.1994, n. 380, 08.08.1994, n. 493, non convertiti in legge e dal D.L. 07.10.1994, n. 571 convertito in L. 06.12.1994, n. 673.

(2) Il presente comma prima sostituito dall'art. 87, D.Lgs. 19.02.1998, n. 51, in vigore dal 21.03.98 con effetto dal 02.06.99, è stato successivamente modificato dall'art. 54, D.L. 22.06.2012, n. 83 con decorrenza dal 26.06.2012 convertito con modificazioni dalla L. 07.08.2012, n. 134. Si riporta di seguito il testo previgente:

"Le controversie in materia di locazione e di comodato di immobili urbani e quelle di affitto di aziende sono disciplinate dagli articoli 414, 415, 416, 417, 418, 419, 420, 421, primo comma, 422, 423, primo e terzo comma, 424, 425, 426, 427, 428, 429, primo e secondo comma, 430, 433, 434, 435, 436, 437, 438, 439, 440, 441, in quanto applicabili.".

(3) Il primo periodo del presente comma è stato soppresso dall'art. 87, D.Lgs. 19.02.1998, n. 51, in vigore dal 21.03.1998 con effetto dal 02.06.99. Si riporta di seguito il testo previgente:

"Per le controversie relative ai rapporti di cui all'articolo 8, secondo comma, numero 3), è competente il giudice del luogo dove si trova la cosa. Sono nulle le clausole di deroga alla competenza".

(4) In virtù dell'art. 54, D.L. 22.06.2012, n. 83 le disposizioni di cui al presente comma si applicano ai giudizi di appello introdotti con ricorso depositato o con citazione di cui sia stata richiesta la notificazione dal trentesimo giorno successivo a quello di entrata in vigore della legge di conversione del D.L. 22.06.2012, n. 83.

Vetrina