Individuazione del pubblico ministero e del giudice per le indagini preliminari nei procedimenti di assise
Disposizioni di attuazione del codice di procedura penale
Gazzetta Ufficiale Repubblica Italiana 5 agosto 1989, n. 182
Norme di attuazione, di coordinamento e transitorie del codice di procedura penale [disposizioni attuative codice procedura penale]
Approvato con D.Lgs. 28.07.1989, n. 271

TITOLO SECONDO. Norme di coordinamento
Articolo 238
Individuazione del pubblico ministero e del giudice per le indagini preliminari nei procedimenti di assise

1. Per i reati di competenza della corte di assise le indagini preliminari sono svolte dal procuratore della Repubblica presso il tribunale individuato a norma degli articoli 8, 9, 10, 11 e 16 del codice. Con i medesimi criteri è individuato il giudice per le indagini preliminari. E' fatto salvo quanto previsto dagli articoli 51, comma 3-bis e 328, comma 1-bis del codice. (1)

2. Il procuratore della Repubblica indicato nel comma 1 partecipa al dibattimento davanti alla corte di assise e, nelle ipotesi di giudizio direttissimo, presenta l'imputato davanti al giudice del dibattimento.

3. Sono abrogati gli articoli 3 e 4 della legge 24 novembre 1951, n. 1324. 

 

-----

(1)  Il presente comma è stato così modificato dall'art. 4, D.L. 20.11.1991, n. 367, conv., con mod., dalla L. 20.01.1992, n. 8, recante "Coordinamento delle indagini nei procedimenti per reati di criminalità organizzata" (testo coordinato in G.U. 20.01.1992 n. 15).

 

 

 

Vetrina