Differimento dell'incidente probatorio
Codice di procedura penale
Gazzetta Ufficiale Repubblica Italiana 24 ottobre 1988, n. 250
Codice procedura penale [codice procedura penale]
Approvato con D.P.R. 22 settembre 1988, n. 447

LIBRO QUINTO. Indagini preliminari e udienza preliminare - TITOLO SETTIMO. Incidente probatorio
Articolo 397
Differimento dell'incidente probatorio

1.Il pubblico ministero puo` chiedere che il giudice disponga il differimento dell'incidente probatorio richiesto dalla persona sottoposta alle indagini quando la sua esecuzione pregiudicherebbe uno o piu` atti di indagine preliminare. Il differimento non e` consentito quando pregiudicherebbe l'assunzione della prova. 

2. La richiesta di differimento e` presentata a pena di inammissibitita` nella cancelleria del giudice entro il termine previsto dall'articolo 396, comma 1, e indica: 

a) l'atto o gli atti di indagine preliminare che l'incidente probatorio pregiudicherebbe e le cause del pregiudizio; 

b) il termine del differimento richiesto. 

3. Il giudice, se non dichiara inammissibile o rigetta la richiesta di incidente probatorio, provvede entro due giorni con ordinanza con la quale accoglie, dichiara inammissibile o rigetta la richiesta di differimento. L'ordinanza di inammissibilita` o di rigetto e` immediatamente comunicata al pubblico ministero. 

4. Nell'accogliere la richiesta di differimento il giudice fissa l'udienza per l'incidente probatorio non oltre il termine strettamente necessario al compimento dell'atto o degli atti di indagine preliminare indicati nel comma lettera a). L'ordinanza e` immediatamente comunicata al pubblico ministero e notificata per estratto alle persone indicate nell'articolo 393 comma 1 lettera b). La richiesta di differimento e l'ordinanza sono depositate alla udienza.

 

 

 

 

Vetrina