Assenza e allontanamento volontario dell'imputato
Codice di procedura penale
Gazzetta Ufficiale Repubblica Italiana 24 ottobre 1988, n. 250
Codice procedura penale [codice procedura penale]
Approvato con D.P.R. 22 settembre 1988, n. 447

LIBRO SETTIMO. Giudizio - TITOLO SECONDO. Dibattimento - CAPO SECONDO. Atti introduttivi
Articolo 488
Assenza e allontanamento volontario dell'imputato
Abrogato

[1. Le disposizioni degli articoli 486 e 487 non si applicano quando l'imputato anche se impedito, chiede o consente che il dibattimento avvenga in sua assenza o, se detenuto, rifiuta di assistervi. L'imputato in tali casi è rappresentato dal difensore.

2. L'imputato che, dopo essere comparso, si allontana dall'aula di udienza è considerato presente ed è rappresentato dal difensore.

3. Le disposizioni del comma 2 si applicano anche quando l'imputato detenuto evade in qualsiasi momento del dibattimento ovvero durante gli intervalli di esso]. (1)

 

-----

(1) Il presente articolo è stato abrogato dall'art. 39, L. 16.12.1999, n. 479 (G.U. 18.12.1999, n. 296).
                                                 

 

 

 

Vetrina