(Art. 80 Cod. Str.) Attrezzature delle imprese e dei consorzi abilitati alla revisione dei veicoli.
Regolamento di esecuzione e di attuazione del nuovo codice della strada
Gazzetta Ufficiale Repubblica Italiana 28 dicembre 1992, n. 303 - Supplemento Ordinario , n. 134
Regolamento di esecuzione e di attuazione del nuovo codice della strada.
Approvato con D.P.R. 16.12.1992, n. 495

Titolo 3 - Dei veicoli Capo 3 - Veicoli a motore e loro rimorchi Sezione 1 - Norme costruttive e di equipaggiamento e accertamenti tecnici per la circolazione Paragrafo 3 - Revisioni (Artt. 80 - 81 Codice della Strada)
Articolo 241
(Art. 80 Cod. Str.) Attrezzature delle imprese e dei consorzi abilitati alla revisione dei veicoli.

1. Le imprese ed i consorzi di cui all'articolo 80, comma 8, del codice, per effettuare la revisione dei veicoli immatricolati nelle province individuate dal Ministro dei trasporti e della navigazione, al fine dell'affidamento in concessione delle revisioni di cui al comma indicato, devono essere dotati delle attrezzature e strumentazioni indicate nell'appendice X al presente titolo.

2. Le attrezzature di cui al comma 1, lettere a), b), c), d), e), f), g), nonche' quelle di cui al comma 1 bis della suddetta appendice devono essere approvate, od omologate nel tipo, dai competenti Uffici del Ministero dei trasporti e della navigazione secondo le prescrizioni dallo stesso stabilite. Le attrezzature di cui alle lettere h) e l) del comma 1 della suddetta appendice devono essere riconosciute idonee, rispettivamente, dall'Istituto superiore prevenzione e sicurezza sul lavoro e dal competente ufficio presso la Camera di commercio, industria, artigianato e agricoltura. (2)

3. Il Ministero dei trasporti e della navigazione - Direzione Generale della M.C.T.C. aggiorna con propri provvedimenti la normativa di cui al presente articolo, in relazione all'evolversi della tecnologia relativa ai veicoli ed alle strumentazioni ed attrezzature necessarie per il loro controllo.(1).

-----
(1) Il presente articolo, è stato così modificato dall'art. 142, D.P.R. 16.09.1996, n. 610 (G.U. 04.12. 1996, n. 284, S.O. n. 212).

(2) Il presente comma, è stato così sostituito dall'art. 2, D.P.R. 28.09.2000, n. 329 con decorenza dal 29.11.2000. Si riporta di seguito il testo precedente alla modifica:

"2. Le attrezzature di cui alle lettere a), b), c), d), e), f), g) della suddetta appendice devono essere approvate, od omologate nel tipo, dalla Direzione Generale della M.C.T.C., secondo le prescrizioni dalla stessa stabilite. Le attrezzature di cui alle lettere h) ed l) della suddetta appendice devono essere riconosciute idonee, rispettivamente, dall'Istituto Superiore Prevenzione e Sicurezza Lavoro e dall'Ufficio Metrico del Ministero dell'Industria, Commercio ed Artigianato."

Vetrina