Residenza e dati anagrafici

Prova della residenza: le risultanze anagrafiche valgono come semplici presunzioni

| 12 Settembre 2012

T.a.r. Basilicata, Sezione 1, Sentenza 20 aprile 2011, n. 220

La prova della residenza può esser fornita con ogni mezzo, anche indipendentemente dalle risultanze anagrafiche o in contrasto con esse, atteso che queste ultime hanno valore meramente presuntivo, essendo la residenza della persona determinata dalla sua abituale e volontaria dimora in un dato luogo.
Attenzione! x

Il contenuto è riservato agli abbonati di Lex 24 o Guida Al Diritto .
Se sei già abbonato effettua l'accesso.

Attiva il Servizio

Sei abbonato ma non hai ancora attivato il servizio?

Attivazione
Come Abbonarsi Lex 24 la banca dati giuridica del Gruppo 24 Ore. Guida Al Diritto il più prestigioso settimanale di documentazione giuridica.

Strumenti e servizi

CERCA UN AVVOCATO