Cristiano Cominotto, fondatore di AssistenzaLegalePremium.it e Presidente di AL Assistenza Legale

27/06/2016 15:14

L'avvocato Cristiano Cominotto esercita la professione di avvocato dal 1997 a Milano, è Cassazionista, Giornalista Pubblicista, Fondatore prima dello studio Legale Cominotto e poi di ALT Assistenza Legale per Tutti (ora divenuta AL assistenza Legale) di cui è stato nominato Presidente.

Sotto la sua Presidenza AL Assistenza Legale cresce fino a 15 studi ed ottiene numerosi premi internazionali, tanto da venire classificato per due anni consecutivi dal Financial Times tra i top 50 Innovative Law Firms. Nel 2013 AL Assistenza Legale partecipa insieme a Slater & Gordon UK e AU e Outten & Golden USA alla fondazione di LINEE il network globale di avvocati giuslavoristi. Nel 2015 fonda AssistenzaLegalePremium.it.

Quando sono nati il Suo interesse per il diritto e la consapevolezza di intraprendere la carriera di avvocato?

Ho sempre posseduto un forte senso di legalità, unito alla volontà di aiutare le persone, di cambiare le cose in meglio. Sono sempre stato uno che andava in senso inverso rispetto a tutti gli altri: un forte spirito critico e la volontà di guardare sempre l'altra faccia della medaglia. In fondo, l'avvocato è proprio questo, avere la capacità di sposare una teoria e di difenderla fino in fondo, anche quando sei l'unico a crederci, disinteressandoti di quello che dice la maggioranza. Credo che sia stata questa consapevolezza a fare maturare in me l'idea di diventare avvocato.

Quali sono stati i Suoi studi giuridici e la sua esperienza formativa?

Mi sono laureto all'università Statale di Milano: mio padre non era avvocato, era un dirigente di una multinazionale che viaggiava tantissimo per lavoro, e forse è per questa ragione che dopo l'università ho incominciato a viaggiare anche io. Per perfezionare l'inglese ho studiato sia in Inghilterra che negli Stati Uniti, dove ogni anno tornavo a vivere per un periodo di tempo. Credo che l'aver viaggiato molto mi abbia aperto le prospettive e mi abbia fatto comprendere che la via italiana non è sempre la migliore, e che ci sono tantissime cose a cui noi potremmo ispirarci e che potrebbero migliorare le cose nel nostro Paese.

Perché AL Assistenza Legale è stata un'esperienza così importante?

AL Assistenza Legale proponeva la concezione dello studio legale su strada, ovvero degli avvocati in vetrina. Erano i tempi precedenti ad Internet, in cui non si era ancora presa coscienza sino in fondo dell'importanza che il Web avrebbe avuto nella promozione della professione legale. Se ci pensiamo AL non ha solo preceduto temporalmente gli studi legali sul Web, ma ne è stato un precursore. La vetrina "fisica" dello studio legale rappresentava quello che oggi è il sito Web per gli avvocati. Il sito internet ha sostituito la vetrina quando la tecnologia è divenuta matura ed il consumatore era pronto a recepirne tecnicamente il messaggio.

Nel 2007, anno in cui è nato il progetto ALT Assistenza Legale per Tutti e che poi ha cambiato il nome in AL Assistenza Legale, tutto passava ancora attraverso il passa parola, oppure con i canali tradizionali di ricerca della clientela. Gli studi di affari e internazionali avevano già sperimentato la partecipazione a network nazionali e internazionali e alcune strategie di marketing, tuttavia si trattava di settori di nicchia.

Certamente siamo stati i primi o tra i primi ad introdurre una serie di nuovi concetti. Abbiamo intuito che i tempi erano diventati maturi per applicare agli studi legali tradizionali strategie ampie di marketing. Allora i meccanismi di marketing venivano utilizzati solo dagli studi d'affari ed erano quasi inaccessibili per gli studi legali tradizionali a causa dei forti costi, bisognava quindi creare un'alleanza tra piccoli studi per poter accedere ai giusti meccanismi di marketing.
Un'altra novità che avevamo introdotto era quella dello studio strutturato su tutto il territorio italiano. Sino ad allora gli studi avevano uffici solo nelle principali città, l'idea che avevamo avuto era quella di radicarsi nell'intera nazione. Inoltre siamo stati sicuramente tra i precursori che hanno utilizzato i nomi di fantasia. Da questo la scelta del nome ALT Assistenza Legale per Tutti, rinunciando a caratterizzare lo studio con il nome dei fondatori e mettendo invece l'accento sul gruppo. Molto importante è anche stata la divisione dei compiti degli avvocati per specialità. Questo era un concetto già largamente utilizzato negli studi d'affari ma in buona parte sconosciuto negli studi legali che si occupavano dei privati.

Ad AL Assistenza Legale, dal 2014 è stata affiancata una nuova iniziativa che si chiama Assistenza Legale Premium: uno studio che oggi vuole stare al passo con i tempi, deve essere in grado di riformarsi radicalmente almeno ogni cinque anni per adeguarsi alla tecnologia e ai cambiamenti socioeconomici. Deve essere in grado di cambiare la percezione che il cliente ha dello studio e se è necessario deve anche essere in grado di cambiare la sua organizzazione. Dal 2014 è nato quindi il logo Assistenza Legale Premium, che è stato studiato per avere una preminente presenza su Internet ed è altamente specializzato in settori specifici del diritto.

Sta pensando in futuro di ampliare la proposta di Assistenza Legale Premium?

Assistenza Legale Premium è un progetto che ha già raggiunto negli ottimi risultati. Mi piacerebbe certamente trovare degli avvocati che condividano un progetto comune sviluppando nuovi settori insieme. L'errore che secondo me fanno oggi molti studi legali presenti su internet è quello di pensare che il numero faccia la forza, più persone aderiscono al mio progetto e più successo avrà la mia idea. In realtà il numero di professionisti non è un valore e neppure un obbiettivo da raggiungere. Quando penso ad Assistenza Legale Premium non penso ad un progetto vasto in termini di partecipazione numerica di avvocati, ma ad una idea basata sulla condivisione degli stessi principi e della professionalità. Oggi l'avvocato non può avere solo una buona preparazione giuridica, ma anche una buona propensione tecnologica.

Vetrina