avvocato del giorno

AVV. FABIO LIPAROTA
STUDIO LEGALE LIPAROTA\VAZZANA & PARTNERS

05/11/2018 13:50

Avv. Fabio LIPAROTA, Studio Legale Liparota


L'Avv. Fabio Liparota, owner e managing partner dello Studio Legale Liparota\Vazzana & Partner, si è laureato in Giurisprudenza presso l'Università degli Studi La Sapienza di Roma; ha collaborato per diversi anni in qualità di cultore della materia presso la cattedra di diritto civile del Prof. Guido Alpa e successivamente presso la cattedra di diritto privato della prof.ssa Raffaella Messinetti. Nel 1995 ha fondato lo studio legale Liparota con sede principale in Roma e sede secondaria a Milano; da circa un anno ha modificato la propria denominazione in LIPAROTA\VAZZANA & PARTNERS.
Negli anni si è dedicato alle questioni afferenti il diritto amministrativo, diritto societario, maturando consolidata esperienza nella consulenza e nel contenzioso.
Ha ricoperto, altresì, la carica di Consigliere di Amministrazione in EUROPA GESTIONI IMMOBILIARI S.p.A. (società del Gruppo Poste Italiane S.p.A. focalizzata nella gestione del patrimonio immobiliare di Poste Italiane).
A Novembre 2017, a Milano, l'avv. Fabio Liparota è risultato vincitore della VII edizione dei Le Fonti Awards 2017, categoria "Professionista dell'Anno, Contenzioso Amministrativo", mentre, già in precedenza, nel mese di Ottobre 2017, lo studio legale Liparota è stato finalista dell'XI edizione dei TopLegal Awards, categorie "Studio dell'anno, Centro" e "Amministrativo". Ha ottenuto sentenze e incarichi di risonanza nazionale.


Avvocato il suo studio si occupa prevalentemente di diritto amministrativo, vorrebbe parlarci brevemente della sua attività?

Lo Studio Legale Liparota\Vazzana & Partner, del quale sono owner e managing partner è una boutique legale con sede in Roma e Milano.
I nostri clienti sono prevalentemente imprese commerciali ed industriali, italiane ed estere, istituzioni finanziarie, multinazionali, enti pubblici, ma anche piccole e medie imprese.
La dimensione di boutique è una scelta strategica così da poter garantire ai nostri clienti un'assistenza personalizzata e diretta nelle attività da questi svolte in Italia ed in Paesi Esteri.
Lo studio, difatti, presta la propria attività anche in lingua inglese.
Ci occupiamo delle tematiche afferenti il diritto amministrativo ad ampio raggio, con particolare attenzione al settore degli appalti pubblici; in tale settore assistiamo il Cliente sia nella fase stragiudiziale, supportandolo con particolare dovizia nella preparazione della documentazione di gara, sia nell'eventuale fase precontenziosa o giudiziale, anche innanzi alle Magistrature Superiori.
Seguiamo altresì i Clienti nelle altre branche del diritto amministrativo, quali ad esempio energy, trasporti, urbanistica, telecomunicazioni, privatizzazioni, servizi pubblici, diritto sanitario e farmaceutico, pubblico impiego e concorsi, antitrust, nonché licenze commerciali e autorizzazioni amministrative, urbanistica.
Le altre due practies dello studio riguardano il diritto civile e societario, con particolare riferimento alla contrattualistica e al contenzioso ed il diritto del lavoro.

Quali evoluzioni intravede per il mercato?
Se parliamo del mercato legale legato alla sfera del diritto amministrativo, è bene sottolineare come negli ultimi anni si sia assistito ad un profondo cambiamento, anche alla luce delle importanti modifiche legislative intervenute (si pensi all'entrata in vigore del Nuovo Codice Appalti, alle recenti Linee Guida ANAC ecc.).
Tali riforme, seppur emanate con l'intento di ridurre il contenzioso, presentano a mio sommesso avviso, indubbie criticità e vulnus normativi, che non hanno consentito l'attuazione del fine per il quale il legislatore le ha pensate.
Su tale questione, recentemente, l'avv. Marianna Vazzana (partner dello studio) ha scritto un articolo pubblicato da diverse riviste del settore, le cui conclusioni reperite dall'analisi di alcuni dati statistici, confortano quanto appena da me dichiarato.
Tra le varie novità legislative, debbo evidenziare la recente introduzione dell'istituto del Beauty Contest.
Tuttavia anche tale istituto, sebbene nato con l'apprezzabile obiettivo di selezionare i professionisti più adatti alle esigenze interne sulla base di una serie di parametri, ad oggi ritengo si trovi in una fase embrionale, non ancora largamente utilizzata dalle aziende pubbliche e private le quali continuano a privilegiare il rapporto fiduciario.

Come opera il Suo studio?
Nei rapporti interni allo studio, siamo particolarmente attenti a valorizzare la crescita dei singoli professionisti e solo recentemente abbiamo preso in considerazione dei lateral hire.
Cerchiamo di mantenere, infatti, un alto livello di qualità dei nostri servizi legali e secondo me determinati standard non possono che essere frutto del combinato disposto di una crescita interna e di un team working affiatato.
Nei rapporti con il cliente invece, come già detto, miriamo a garantire un raffronto diretto, costante e personalizzato.
In merito alle fee, anche a seguito della liberalizzazione del mercato delle tariffe professionali, di volta in volta viene concordato con la massima trasparenza il mandato sia nei termini di svolgimento dell'attività sia nelle modalità e tempi di pagamento.
In alcuni casi, su richiesta del cliente viene applicato il c.d. "time sheet"; nella maggior parte dei casi viene concordata una parcella per l'intera attività da svolgere; talvolta invece viene previsto un compenso fisso predeterminato ed una fee ad obiettivo e quindi solo in caso di esito favorevole per il cliente.

Vetrina