Antonino La Lumia, partner La Lumia & Associati - Studio Legale

18/12/2017 14:09

Antonino La Lumia è Partner di La Lumia & Associati - Studio Legale, realtà professionale oggi operativa con tre sedi: una principale a Milano e due collegate, con relazioni consolidate, a Roma e Palermo.
Da anni si occupa di diritto bancario, di consulenza aziendale e di appalti pubblici, assistendo aziende ed enti sull'intero territorio nazionale e collaborando con le associazioni di categoria maggiormente rappresentative.
Svolge un'intensa attività di formazione giuridica per aziende e professionisti: in questo ambito, è frequentemente relatore in seminari e convegni sui temi del contenzioso bancario e della gestione di impresa, nonché dei contratti pubblici.



Avvocato, il vostro studio si occupa prevalentemente di diritto bancario e appalti pubblici: su quali linee si muove la consulenza in questi settori?

Lo studio è nato con un'idea di fondo ben chiara: fornire alle aziende un'assistenza completa e, nello stesso tempo, efficace e tempestiva. La nostra filosofia professionale vuole coniugare la serietà e la competenza con quella rapidità di intervento, che oggi qualsiasi cliente richiede, sia esso piccolo imprenditore o affermato gruppo industriale.


In questo senso, supportiamo i nostri clienti nelle dinamiche aziendali quotidiane e nel complesso rapporto con gli Istituti di Credito, spesso fonte di criticità e problematiche di varia natura.


Seguiamo anche le imprese che operano con le pubbliche amministrazioni, curando la consulenza per le procedure di gara e - qualora si rendesse necessario - la successiva fase di contenzioso dinanzi al Giudice amministrativo.


Il valore aggiunto del nostro studio è rappresentato dal fatto che, ormai da tanti anni, svolgiamo - come relatori - una significativa attività di formazione diretta a professionisti e imprese, anche per conto di associazioni di categoria: questo ci consente di avere un quadro particolarmente approfondito delle materie di cui, ogni giorno, ci occupiamo per i nostri clienti.


Quanto è importante il team nel suo lavoro?

Posso dire, senza alcun dubbio, che è fondamentale: non potrei immaginare di svolgere la mia attività professionale senza il qualificato apporto dei colleghi, che lavorano con me e condividono soddisfazioni e fatiche quotidiane.


Gestire un cliente significa costruire una consulenza che si adatti perfettamente alla sua struttura e alle sue esigenze: per questo motivo, è necessario saper individuare le questioni da risolvere, delineare gli obiettivi da raggiungere e - soprattutto - adottare gli strumenti giuridici migliori per conseguirli.


Ecco, in questo percorso - delicato, ma coinvolgente - il gioco di squadra diventa un elemento imprescindibile per la buona riuscita dell'operazione: più affiatamento esiste tra i professionisti dello studio, maggiore sarà il grado di soddisfazione del cliente per l'assistenza ricevuta.


Che futuro intravede per la mediazione?

La mediazione, come sappiamo, sta avendo un percorso molto tortuoso nel nostro ordinamento.


L'istituto sconta il fatto di non godere di grande favore tra gli avvocati e ciò, a mio avviso, ingiustamente: andrebbe superata, infatti, la concezione tradizionale della giustizia in termini di solo contenzioso, cercando di dar spazio - ogni volta che sia possibile - a forme di conciliazione stragiudiziali, che consentono una notevole riduzione sia dei tempi di risoluzione delle controversie, sia dei costi associati.


Mediare non significa abdicare alla propria funzione difensiva: è esattamente il contrario.
L'avvocato, infatti, è parte attiva e fondamentale della procedura e può mettere a frutto competenze e capacità professionali anche in un ambito non giudiziale: anzi, c'è la possibilità di operare in un contesto dove il dialogo tra le parti è favorito dalla presenza del mediatore, che non è un giudice, ma un "facilitatore", che costruisce le condizioni migliori per trovare un accordo soddisfacente.


Per questo, sono particolarmente favorevole alla diffusione di una cultura "ampia" della mediazione: ciò avrebbe effetti positivi e immediati anche in chiave di deflazione dell'attuale e abnorme contenzioso pendente nei nostri Tribunali.