BRESCIA 13 DICEMBRE, CONFERENZA NAZIONALE: AGENDA 2030/IL RUOLO DEGLI ENTI LOCALI E LE BUONE PRATICHE DAI TERRITORI

13/12/2019 16:17


BRESCIA, VENERDÌ 13 DICEMBRE 2019 CONFERENZA NAZIONALE
"Gli obiettivi dell'Agenda 2030: ruolo ed opportunità per gli Enti locali"

Il ruolo degli enti locali nella realizzazione dei Goals indicati dall'Onu per uno sviluppo sostenibile. Buone pratiche dai territori.

Qual è il ruolo potenziale degli enti locali nella realizzazione dei 17 obiettivi dell'Agenda 2030? Quale la loro effettiva capacità di rispondere alle sfide individuate dall'Onu per uno sviluppo sostenibile? Come mettere a sistema le best practice dei territori e promuovere azioni comuni?

Pone al centro questi interrogativi la prossima conferenza nazionale "Gli obiettivi dell'Agenda 2030: ruolo ed opportunità per gli Enti locali", promossa dal Coordinamento Agende 21 locali italiane e organizzata in collaborazione con il Comune di Brescia, città ospite dell'evento. Venerdì 13 dicembre, dalle 9 alle 17 nell'aula magna del Dipartimento di Economia e Management dell'Università degli studi di Brescia (via San Faustino 74/b), una giornata di dibattito a più voci che vede protagonisti gli enti locali nel loro ruolo di governo delle città e dei territori di fronte al piano d'azione sottoscritto nel 2015 dai 193 Paesi membri dell'Onu: un impegno condiviso per salvare il pianeta e garantire il benessere delle persone e delle comunità, contrastando gli attuali sistemi di produzione e consumo e i loro impatti nel lungo termine sugli ecosistemi e sulla salute delle persone.

Così la conferenza nazionale sarà un'ulteriore tappa del dibattito sugli obiettivi dell'Agenda 2030, ma soprattutto racconterà le buone pratiche avviate sui territori, focalizzandosi sul loro effettivo impatto e valorizzando le reti. Come mira a fare il Coordinamento, associazione di enti locali e Regioni che da vent'anni promuove la cultura dello sviluppo sostenibile e diffonde le prassi messe in campo dalle pubbliche amministrazioni, supportandone percorsi e progettualità anche alla luce della Strategia nazionale per lo sviluppo sostenibile. In questa stessa ottica aderisce al Forum per lo sviluppo sostenibile e partecipa attivamente ad alcuni dei suoi tavoli di lavoro: «Per rendere i sistemi urbani sostenibili a tutti i livelli (ambientale, economico e sociale) – evidenzia Arturo Lorenzoni, presidente del Coordinamento Agende 21 locali italiane – è chiesta una trasformazione radicale, che implica politiche adeguate e innovative e azioni concrete sui territori, ossia nuovi modelli di programmazione, organizzazione e gestione, nonché strumenti innovativi di analisi a supporto delle scelte strategiche. In tale contesto resta naturalmente fondamentale il ruolo delle reti per mettere a patrimonio comune e a sistema le migliori esperienze».

A confronto nella mattinata numerosi esperti e rappresentanti delle istituzioni locali e nazionali, del mondo accademico ma anche economico-produttivo, della società civile organizzata, oltre naturalmente ai rappresentanti di Agenda 21; nel pomeriggio, tre tavoli di lavoro operativi sui principali temi dell'Agenda 2030, con la finalità di definire un'azione coordinata e incisiva (programma dettagliato: https://bit.ly/2YCEXHK).

L'evento è realizzato con il patrocinio di Ministero dell'Ambiente e della Tutela del territorio e del mare, Regione Lombardia, Provincia di Brescia, Università degli studi di Brescia, Università Cattolica del Sacro Cuore e Rete Città Sane.

Vetrina