Tar Lazio: sì multa Agcom a Rai per insulti di Grillo a Napolitano ad “Annozero”

6/12/2017 18:47

Il Tar Lazio, sentenza 12039 di oggi, ha bocciato il ricorso della Rai contro l'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni, nei confronti di Michele Santoro, per l'annullamento della delibera n. 2/09/CONS con cui le era stata comminata la sanzione pecuniaria di 51.646 euro, con riferimento ai contenuti della puntata del programma “Anno Zero” andata in onda il 1° maggio 2008. In quell'occasione, come si legge nella contestazione dell'Agcom, la Rai ha trasmesso «brani della manifestazione di Beppe Grillo tenutasi il 25 aprile 2008 a Torino nei quali lo stesso Beppe Grillo ha utilizzato nei confronti del Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano e del Professor Umberto Veronesi espressioni offensive e perciò lesive dell'onorabilità e della dignità della persona, che risultano integrare gli estremi della violazione dell'articolo 4, comma 1, lett. b), del decreto legislativo 31 luglio 2005, n. 177, sub specie di lesione di diritti fondamentali della persona».

Il Tribuinale amministrativo per prima cosa ha ribadito la competenza dell'Autorità nell'assicurare il rispetto dei diritti fondamentali della persona «ivi incluso l'obbligo di rispettare l'altrui dignità e reputazione». Inoltre, prosegue la decisione, non può sostenersi, come fatto dalla Rai, che il procedimento sanzionatorio avrebbe dovuto essere condotto “nei confronti delle persone fisiche ritenute responsabili” e non dell'azienda, in quanto l'attività sanzionata è proprio quella della “trasmissione di programmi” lesivi dei diritti fondamentali delle persone, «ossia una condotta fenomenologicamente imputabile proprio all'azienda, e non certo ai suoi funzionari o collaboratori singolarmente considerati». Infine, il Tar ha bocciato anche l'esimente della “diretta” invocata dalla Rai in quanto le dichiarazione ritenute diffamatorie non erano state pronunciate in studio ma espresse nel corso di un comizio tenutosi qualche giorno prima e dunque certamente valutabili dall'azienda. (francesco machina grifeo)