pubblico impiego

Mansioni superiori, il giudicato non ribalta l'onere sul datore

| 15/7/2019

Corte di cassazione - Ordinanza 15 luglio 2019 n. 18901

Nel pubblico impiego privatizzato, il precedente giudicato che ha accertato lo svolgimento di mansioni superiori non spiega i suoi effetti anche sul periodo successivo. Sarà sempre il lavoratore a dover dimostrare la perduranza dell'esercizio delle mansioni e la loro attuale rilevanza. Non vi è dunque un'inversione dell'onere della prova che ponga a carico del datore la dimostrazione del mutamento delle condizioni. Lo ha stabilito, affermando un principio di diritto, la Corte di cassazione, ordinanza ...
Attenzione! x

Il contenuto è riservato agli abbonati di Guida Al Diritto o Banca Dati Diritto24 .
Se sei già abbonato effettua l'accesso.

Attiva il Servizio

Sei abbonato ma non hai ancora attivato il servizio?

Attivazione
Come Abbonarsi Guida Al Diritto il più prestigioso settimanale di documentazione giuridica. Banca Dati Diritto24 la nuova banca dati di Diritto24
Vetrina