cassazione 11504 /2017

Divorzio, così si riduce l'assegno all'ex

| 22/5/2017

Partono le richieste di revisione dell'assegno di divorzio dopo la sentenza della Cassazione 11504 del 10 maggio scorso (relativa al divorzio tra l'ex ministro Vittorio Grilli e Lisa Lowenstein), che ha mandato in soffitta il criterio della «conservazione del tenore di vita» per sostituirlo con quello dell'«indipendenza economica».

Ma è davvero così semplice ora, per il coniuge obbligato, ottenere la revoca o la riduzione dell'assegno di divorzio? Non proprio. La sentenza della Cassazione, nei fatti, rende meno scontato il riconoscimento del mensile perché lo subordina solo alla mancanza di mezzi adeguati e all'impossibilità di procurarseli (articolo 5, comma 6, della legge 898/70), sganciandolo dal «tenore di vita durante il matrimonio» che, tra l'altro, la legge sul divorzio non cita. Chi vuole agire per la revoca, quindi, deve provare che l'ex coniuge può mantenersi da sé o che potrebbe attivarsi in tal senso.

Continua a leggere sul Quotidiano del diritto