sequestro di azienda

Decreto 231, confisca con amministratore

| 13/2/2018

Corte di cassazione - Sentenza 6742/2018

È obbligatoria la nomina dell'amministratore giudiziario in caso di sequestro di azienda per violazione della disciplina istituita dal decreto 231 del 2001. È una sentenza che si pone nel mezzo del dibattito su giustizia ed economia e sulle conseguenze delle decisioni della magistratura sull'andamento delle imprese, quella depositata ieri dalla Cassazione (sentenza n. 6742/2018 della Terza sezione penale). La Corte ha così respinto il ricorso presentato dalle difese di due società a responsabilità limitata che si erano opposte al decreto di sequestro finalizzato alla confisca per equivalente di un pacchetto di beni aziendali del valore di quasi 3 milioni di euro nell'ambito di un procedimento aperto per reati ambientali. Il tribunale aveva a sua volta autorizzato l'utilizzo dei beni aziendali, ma aveva negato la possibilità di impiego della liquidità depositata su un conto corrente.

Continua a leggere sul Quotidiano del diritto

Vetrina