Potestà e amministrazione dei beni dell'adottato
Codice civile
Gazzetta Ufficiale Repubblica Italiana 4 aprile 1942, n. 79
Codice civile. [codice civile]
Approvato con R.D. 16 marzo 1942, n. 262

LIBRO PRIMO. Delle persone e della famiglia - TITOLO OTTAVO. Della adozione di persone maggiori di età - CAPO PRIMO. Della adozione di persone maggiori di età e dei suoi effetti
Articolo 301
Potestà e amministrazione dei beni dell'adottato
Abrogato

[La potesta' sull'adottato e il relativo esercizio spettano all'adottante. L'adottante ha l'obbligo di mantenere l'adottato, di istruirlo ed educarlo conformemente a quanto prescritto dall'articolo 147. Se l'adottato ha beni propri, l'amministrazione di essi, durante la minore eta' dell'adottato, spetta all'adottante, il quale non ne ha l'usufrutto legale, ma puo' impiegarne le rendite per le spese di mantenimento, istruzione ed educazione del minore, con l'obbligo di investirne l'eccedenza in modo fruttifero. Si applicano le disposizioni dell'articolo 382.]

(1)

 

-----

(1) Il presente articolo è stato abrogato dall'art. 67 L. 04.05.1983 n. 184.

 

Vetrina