Ordinanza per il pagamento di somme non contestate
Codice di procedura civile
Gazzetta Ufficiale Repubblica Italiana 28 ottobre 1940, n. 253
Codice di procedura civile
Approvato con R.D. 28 ottobre 1940, n. 1443

LIBRO SECONDO. Del processo di cognizione - TITOLO PRIMO. Del procedimento davanti al tribunale - CAPO SECONDO. Dell'istruzione della causa - SEZIONE SECONDA. Della trattazione della causa
Articolo 186 Bis
Ordinanza per il pagamento di somme non contestate

Su istanza di parte il giudice istruttore può disporre, fino al momento della precisazione delle conclusioni, il pagamento delle somme non contestate dalle parti costituite. Se l'istanza è proposta fuori dall'udienza il giudice dispone la comparizione delle parti ed assegna il termine per la notificazione. (2)

L'ordinanza costituisce titolo esecutivo e conserva la sua efficacia in caso di estinzione del processo.

L'ordinanza è soggetta alla disciplina delle ordinanze revocabili di cui agli articoli 177, primo e secondo comma, e 178, primo comma. (1)

-----

(1) Il presente articolo è stato aggiunto, con decorrenza dal 1° gennaio 1993, dall'art. 20, L. 26.11.1990, n. 353.

(2) Il presente comma è stato così modificato dall'art. 2, L. 28.12.2005, n. 263, con decorrenza dal 01.03.2006 per effetto dell'art. 39-quater, D.L. 30.12.2005, n. 273, convertito, con modificazioni, dalla L. 23.02.2006, n. 51. Si riporta di seguito il testo previgente:

"Su istanza di parte il giudice istruttore può disporre, fino al momento della precisazione delle conclusioni, il pagamento delle somme non contestate dalle parti costituite.".