Svolgimento della discussione
Codice di procedura penale
Gazzetta Ufficiale Repubblica Italiana 24 ottobre 1988, n. 250
Codice procedura penale [codice procedura penale]
Approvato con D.P.R. 22 settembre 1988, n. 447

LIBRO SETTIMO. Giudizio - TITOLO SECONDO. Dibattimento - CAPO QUINTO. Discussione finale
Articolo 523
Svolgimento della discussione

1. Esaurita l' assunzione delle prove, il pubblico ministero e successivamente i difensori della parte civile, del responsabile civile, della persona civilmente obbligata per la pena pecuniaria e dell'imputato formulano e illustrano le rispettive conclusioni , anche in ordine alle ipotesi previste dall'articolo 533, comma 3 bis. (1)

2. La parte civile presenta conclusioni scritte, che devono comprendere, quando sia richiesto il risarcimento dei danni, anche la determinazione del loro ammontare.

3. Il presidente dirige la discussione e impedisce ogni divagazione, ripetizione e interruzione.

4. Il pubblico ministero e i difensori delle parti private possono replicare; la replica e` ammessa una sola volta e deve essere contenuta nei limiti strettamente necessari per la confutazione degli argomenti avversari.

5. In ogni caso l'imputato e il difensore devono avere, a pena di nullita`, la parola per ultimi se la domandano.

6. La discussione non puo` essere interrotta per l'assunzione di nuove prove, se non in caso di assoluta necessita`. Se questa si verifica, il giudice provvede a norma dell'articolo 507.

-----

(1) Il presente comma è stato così modificato dall'art. 4, comma 1 bis, D.L. 24.11.2000, n. 341 così come inserito dalla legge di conversione, L. 19.01.2001, n. 4.


Vetrina