PICCOLO SPACCIO

L’attività organizzata non esclude l’attenuante

04 Ottobre 2013

Corte di cassazione - Sezione VI penale - Sentenza 4 ottobre 2013 n. 41090

Il carattere organizzato della cessione di droga non esclude l’applicazione dell’attenuante che ricorre nei casi di “piccolo spaccio”, dovendosi comunque guardare alle dimensioni complessive dell’attività. Lo ha stabilito la Corte di cassazione con la sentenza 41090/2013. Secondo i giudici “il ‘piccolo spaccio’ è caratterizzato quindi da una complessiva minore portata delle attività dello spacciatore e dei suoi eventuali complici, con una ridotta circolazione di merce e di denaro, e guadagni ...
Attenzione! x

Il contenuto è riservato agli abbonati di Guida Al Diritto .
Se sei già abbonato effettua l'accesso.

Attiva il Servizio

Sei abbonato ma non hai ancora attivato il servizio?

Attivazione
Come Abbonarsi

Non sei abbonato e vuoi sapere come fare?

Abbonati