AZIONE INDIVIDUALE DEL SOCIO

Danno del socio da investimento disinformato


16 dicembre 2014 |

Se il socio è a conoscenza della situazione contabile della società ...

PROCEDURE DI INSOLVENZA

Individuazione del centro degli interessi principali del debitore


17 dicembre 2014 |

Ai fini della dichiarazione di fallimento, il cosiddetto "Centre of main interests" è il luogo in cui il debitore esercita in modo abituale e riconoscibile dai ...

RIENTRO DEI CAPITALI

Sanatoria con "voluntary disclosure" dei capitali all'estero


16 dicembre 2014 |

In tema di regolarizzazione dei redditi dei capitali esportati illegalmente ...

PIANO DI CONCORDATO

Crisi d'impresa: il falso dell'attestatore di piano


4 dicembre 2014 |

Nella legge fallimentare ha fatto di recente capolino il reato di falso in attestazioni e relazioni del professionista nell'ambito delle soluzioni concordate delle crisi d'impresa (art. ...

SOCIETÀ DI CAPITALI PARTECIPATE DA ENTI PUBBLICI

Natura giuridica delle società partecipate


1° dicembre 2014 |

Il rapporto tra società ed ente pubblico è di assoluta autonomia. Di qui la decisione n. 1590/2014 del Tribunale di Latina, con cui si afferma che una società non muta la sua natura di ...

RESPONSABILITÀ DELL'APPALTATORE

Ripartizione di responsabilità nel contratto d'appalto


28 novembre 2014 |

L'autonomia dell'appaltatore, che svolge la sua attività nell'esecuzione dell'opera assunta con propria organizzazione apprestandone i mezzi, curandone le modalità e obbligandosi verso ...

RICICLAGGIO E MERCATI FINANZIARI

Contrasto al riciclaggio nella cooperazione internazionale: il ruolo del Gafi


27 novembre 2014 |

L'esigenza del contrasto al riciclaggio è fortemente sentita anche in ambito internazionale, ben oltre l'ordinamento comunitario, trattandosi di materia in continua evoluzione. Deve divenire ...

Giurisprudenza

BANCAROTTA FRAUDOLENTA

L'amministratore consapevole del dissesto fa bancarotta preferenziale

| 3 dicembre 2014 |

sentenza Corte di Cassazione, Sez. V, 18.11.2014, n. 47616 - La bancarotta fraudolenta è un reato di pericolo concreto, nel cui ambito evento del delitto è la diminuzione del patrimonio e non lo stato di insolvenza. La consapevolezza del dissesto è fondamentale ai fini della condanna, che scatta solo quando la diminuzione della consistenza patrimoniale abbia recato uno squilibrio tra attività e passività tale da porre concretamente ...

REATI FALLIMENTARI

Lo stato d'insolvenza non è evento del reato di bancarotta fraudolenta

| 24 novembre 2014 |

sentenza Corte di Cassazione, Sez. V, 18.11.2014, n. 47616 - La V penale della Corte di Cassazione con la sentenza 18.11. 2014 ritorna sull'elemento psicologico della bancarotta ribadendo che lo stato d'insolvenza non è evento del reato. Non è necessario che il fallimento sia oggetto di rappresentazione e volontà da parte dell'autore mentre la dichiarazione ...

CONCORDATO PREVENTIVO

Creditori privilegiati: la dilazione di pagamento equivale a pagamento non integrale

| 26 novembre 2014 |

sentenza Corte di Cassazione, Sez. I, 26.09.2014, n. 20388 - La Suprema Corte con sentenza n. 20388/2014 ha affermato un importante principio in relazione alla sorte dei creditori privilegiati nel concordato preventivo sostenendo l'ammissibilità della dilazione di pagamento di tale categoria creditoria. Ma il pagamento con una dilazione superiore a quella necessaria ...

REATI PRESUPPOSTO

Riciclaggio, illecito reimpiego e associazione di stampo mafioso

| 7 novembre 2014 |

sentenza Corte di Cassazione, Sez. Un., 13.06.2014, n. 25191 - Il delitto presupposto dei reati di riciclaggio e di reimpiego di capitali può essere costituito dal delitto di associazione mafiosa, idoneo di per sé a produrre proventi illeciti. Non è configurabile perciò il concorso fra i delitti di cui agli artt. 648-bis e 648-ter cod. pen., e quello di cui all'art. ...

Casi e questioni
DECRETO COMPETITIVITÀ 2014

Bilancio d'esercizio in conformità ai principi contabili internazionali

| 17 dicembre 2014 |

Per ragioni di uniformità con il proprio gruppo di appartenenza, una società deve valutare la possibilità di adottare i principi contabili internazionali nel predisporre il bilancio di esercizio. Poiché recenti modifiche normative hanno esteso la possibilità di optare per tale adozione, d'ora in poi, tale soluzione sarà consentita a una più ampia platea di imprese che potrà così utilizzare liberamente gli IAS/IFRS, ad esclusione delle società di persone, delle imprese individuali e delle società di capitali ammesse alla redazione ...

Rassegna stampa
Abuso del diritto nell'agenda parlamentare

In calendario al consiglio dei ministri la prossima settimana ...

Beni ai soci 2013: entro fine mese il termine per la comunicazione

Si avvicina la scadenza per la comunicazione telematica dei ...

Orientamenti sulla detrazione per il risparmio energetico in favore dei soggetti Ires

Beneficia della detrazione del 65% per la riqualificazione ...

Continuità aziendale garantita dai sindaci dopo l'esame dei flussi finanziari

Il collegio sindacale, a maggior ragione quando investito dell'incarico ...

Il diritto all'oblio tutelato dalle autorità privacy in Europa

Dopo la sentenza sul diritto all'oblio della Corte di Giustizia ...

Falso in bilancio all'esame del consiglio dei ministri

Il disegno di legge esaminato dal consiglio dei ministri il ...

Crediti verso al P.A. e debiti fiscali delle imprese verso la compensazione

Il dicastero dello Sviluppo economico promette, a breve, l'approvazione ...

Fisco all'inseguimento degli amministratori di società per 5 anni

Parere della commissione Finanze della Camera sul decreto semplificazioni, ...

Organo di controllo superfluo per le s.r.l. di piccole dimensioni

Approvata dalla Camera la legge di conversione del decreto ...

Strumenti e servizi

CERCA UN AVVOCATO